giovedì 28 febbraio 2013

Racconto breve: Cuore Meccanico



Titolo: Cuore Meccanico
Autore: Marco Locatelli
Genere: Sci-fi, romantico
Formato: EPUB, MOBI, PDF
Link: click here

Cuore Meccanico parla di un robot, un meccanico, che si ritrova a doversi confrontare con sentimenti umani; il tutto è condito da una vena drammatica e da qualche spruzzata di sci-fi.
È il primo racconto pubblicato su Galassia Cartacea, nato da un'esperienza personale in un periodo speciale, per una persona speciale. Quello della fantascienza non è un genere a cui sono avvezzo, ma in questo racconto prevale il romanticismo.
Spero possiate gradire la storia di questo robot dall'impermeabile giallo.

Ovviamente sono aperto a critiche, consigli e suggerimenti. Mi farebbe molto piacere se mi diceste cosa ne pensate :)


Il racconto è TOTALMENTE gratuito: ciò che viene chiesto in cambio è un'innocente condivisione su twitter o su facebook.

Per scaricarlo basta cliccare QUI o sul bottone sottostante:



Licenza Creative Commons

19 commenti:

  1. Non vedo l'ora di leggerlo!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti auguro una buona lettura :) poi fammi sapere!

      Elimina
  2. Appena preso e spero di godermelo questa sera :)

    RispondiElimina
  3. Non riesco a condividere il link su fb per poi scaricarlo, uff..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Argh! A distanza di qualche giorno, ancora nessun risultato?

      Elimina
  4. Ho appena finito di leggerlo, è molto carino nonostante sia così corto. Mi è piaciuto :).

    RispondiElimina
  5. Racconto bellissimo, Marco!

    RispondiElimina
  6. Adoro questo racconto. E' dolce ed intenso. Spero di leggere altri racconti dello stesso livello.
    Alla prossima ! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa davvero piacere. È incredibile. Spero di poterti proporre altri racconti dello stesso livello, dunque :) Grazie di cuore.

      Elimina
  7. Bellissimo il metodo "pay with a tweet"! Ho scaricato il racconto, sono proprio curiosa *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che è una figata? :D potrebbe aprire le porte ad un sacco di scrittori emergenti!

      Elimina
  8. Complimenti, davvero un bel racconto, quasi una poesia. Sei riuscito a trasmettermi pienamente le emozioni che l'automa prova, come se emergessero dalle pagine.

    RispondiElimina
  9. Stiefvater docet. Solo questo. ♥

    RispondiElimina
  10. Scaricato subito e letto tutto d'un fiato... mi è piaciuto tanto, grazie per questa piccola perla di dolcezza! In futuro, spero di leggere altre cose che scriverai! =D =D

    RispondiElimina
  11. Ciao!
    Sono una nuova lettrice del blog, sono capitata qui (sai, passando da un link all'altro come succede sempre sul web) solo qualche giorno fa.
    Incuriosita dal titolo ho deciso di leggere il tuo racconto. L'ho trovato molto piacevole e ho apprezzato in particolar modo che tu abbia scelto di narrarcelo dal punto di vista del meccanico e non dell'organico (sono abbastanza fissata con i robot).
    Complimenti! =)

    RispondiElimina
  12. il racconto molto bello,complimenti! l'inizio un po' spento, però complimenti! (ti seguo da molto)

    RispondiElimina